Cliente difficile per la Farmacia Schultze Amando Volley di Santa Teresa di Riva quello che incontrerà sabato pomeriggio, con inizio alle ore 18.00, nella palestra “Letterio Barca” di Letojanni.

A rendere visita alle amandine saranno infatti le pugliesi del Narconon Melendugno Volley, team che annovera un roster di assoluto rilievo, indicato dagli addetti ai lavori come una delle squadre che andrà ad occupare alla fine del torneo una delle posizioni di alta classifica. Difficile fare una graduatoria delle frecce a disposizione del coach Ida Taurisano: in primis Emanuela Morone (ex Cerignola, Isernia, Cutrofiano e Montella) vero e proprio cecchino dei campi di serie B con prestazioni perenni in doppia cifra; per continuare poi con la veterana bulgara Adriana Kostadinova, schiacciatrice con esperienze in serie A2 a Pontecagnano e girovaga di molti campi di serie B; senza tacere dell’albanese Joneda Alikaj, altra schiacciatrice, che ha in passato incrociato i destini santateresini militando nello Scafati, ad Isernia e nel Castelvetrano, al pari, in quest’ultimo caso, del libero Alessia Luraghi anch’ella per tre anni con la casacca castelvetranese.

Della partita anche una ex amandina, ovvero la centrale Chiara Albano, che ha disputato due consecutivi campionati con la maglia bianco-celeste lasciando un ottimo ricordo. Le squadre hanno gli stessi punti in classifica, tre, maturati però in modo diverso: frutto di una vittoria a zero per le santateresine; dopo due match terminati al tie-break con alterna fortuna per le pugliesi, le quali hanno potuto brindare sabato scorso in casa alla loro storica prima vittoria in serie B1.

Le locali, al cospetto di un avversario di cui già si conosce l’indubbia pericolosità, saranno incentivate a dare il meglio di sé cercando così di far dimenticare al più presto l’amarezza per la sconfitta patita in casa del Palmi. In settimana mister Jimenez e la squadra hanno lavorato parecchio per correggere ciò che ha inciso negativamente sul risultato maturato in terra calabra. Non mancherà il consueto supporto degli Eagles, la tifoseria organizzata locale, che si è sempre ovunque distinta – praticamente in mezza Italia – per correttezza, calore e supporto alla squadra tifando sempre sportivamente “pro”, e mai “contro” gli avversari.

Orazio Leotta