ANCORA UNA SCONFITTA SECCA. Akademia si impone per 3 a 0

In 80 minuti l’Akademia S. Anna liquida la pratica Amando e conferma il primo posto in classifica. Partita apparentemente senza storia, se si esclude il primo set, nel quale la squadra ospite è stata in partita fino alla fine, salvo poi perdere sul finale lucidità a causa di un palese nervosismo determinato anche da alcune dubbie decisioni arbitrali. Bisogna mettere in conto di poter incappare in giudici di gara dalla poca esperienza e questo non deve mai essere un alibi. Secondo e terzo set non hanno avuto storia, con lasquadra di Gagliardi che ha messo in evidenza alcune lacune della squadra santateresina.

Ma procediamo con ordine e passiamo alla cronaca. Gagliardi si affida all’ormai collaudato sestetto che non cambierà nel corso dell’incontro, con Giordano in regia, Iannone opposto, Marino e Escher in posto 4, Composto e Bilardi centrali Giudice libero.

Jimenez cambia rispetto alle ultime apparizioni inserendo Albano con Mercieca al centro, confermando Agostinetto e Bertiglia, ed invertendo le posizioni di Donà e Ferrarini, con Calisti libero. Nel corso dell’incontro subentrano in alcuni frangenti Grillo per Ferrarini e Richiusa a far rifiatare ora Mercieca ora Albano.

Dopo un inizio che vede Akademia avvantaggiarsi di tre punti, la Farmacia Schultze si fa sotto (11-12) prima di un nuovo allungo della squadra di casa con time out per il tecnico spagnolo sul 15-11. Jiménez catechizza bene le sue e dopo il discrezionale le ragazze entrano con un altro spirito, si rifanno sotto, pareggiano prima sul 15 pari dopo un punto lunghissimo , per poi passare avanti sul 18-17 con Gagliardi costretto a chiamare time out. La partita prosegue sempre sul piano dell’equilibrio, poi tre punti consecutivi di Akademia portano il risultato sul 22-20 e malgrado il secondo discrezionale della squadra ospite il parziale si chiude sul 25-22 per la squadra di casa.

Nel secondo set ancora un inizio shock per l’Amando, e purtroppo si ripete un canovaccio già visto con Modica. Con Giordano in battuta la squadra cara al presidente Costantino si porta sul 9 a 0 malgrado 2 time out chiamati da Jimenez (0-4 e 0-7) Problemi in ricezione e difficoltà ad effettuare cambio palla, con la Marino che dall’altra parte del campo fa la voce grossa in difesa ed Escher (top scorer) che riesce a contrattaccare con precisione. Chiusura su un 25-8 che non ammette repliche.

Malgrado un inizio ancora pro-Akademia nella parte centrale del terzo set si vede un certo equilibrio, che però dura poco. La squadra di casa riesce infatti a gestire benissimo il cambio palla con nessuna delle amandine che, dal 10-8 riesce ad effettuare 2 battute consecutive. Il set scivola quindi veloce verso la fine e si chiude sul 25-16.

In casa Amando bisogna subito voltare pagina, anche perchè già sabato a Letojanni ci sarà il bis e siamo certi che tutto il gruppo si impegnerà affinchè la musica cambi.

Come sono soliti cantare gli Eagles, “la gente come noi non molla mai”.

TABELLINO:

SANITARIA SICOM – FARMACIA SCHULTZE 3-0 (25-22, 25-8, 25-16)

SANITARIA SICOM : Rotella, Pugliatti, Bilardi 10, Torre, Escher 12, Giudice lib, Giordano 5, Iannone 10, Composto 5, Gueli, Boffi, Bontorno, Marino 6.

FARMACIA SCHULTZE: Calisti lib, Moschella, Richiusa, Buttarini, Donà 9, Mercieca 5, Albano 2, Agostinetto, Basile, Grillo, Ferrarini 2, Bertiglia 8

arbitri Rosa Comunale ed Erika Burrascano da Messina.

Pubblicato in B1