Allenarsi al tempo del covid

Continua senza soste la preparazione della Farmacia Schultze in vista dell’esordio del 7 novembre in terra campana contro Fiamma Torrese dell’ex Rinaldi.

Completata la 5 settimana di intenso lavoro da parte di Jimenez e del suo staff, nel corso della quale era previsto un allenamento congiunto con la Reghion, saltato, su richiesta della squadra calabrese, per le problematiche che la stessa sta avendo per potersi allenare al Pala Calafiore.

Cresce lo spirito di gruppo, con le ragazze che stanno dimostrando grande affiatamento, grande determinazione e soprattutto tantissima abnegazione, per affrontare un lavoro in palestra e in sala pesi, del tutto anomalo, viste le restrizioni che il protocollo covid impone.

La palestra oggi è diversa, con il suo percorso obbligato, la stanza dove vengono lasciate le scarpe prima dell’ingresso sul parquet di gioco, le panchine con il nastro adesivo che limita le sedute, il gel disinfettante dislocato in più punti, il covid manager che ad ogni “pausa acqua” disinfetta i palloni.

Mancano gli abbracci, manca il classico “cinque”…le dita si avvicinano ma non si toccano. Tutto sembra surreale, ma poi vedi l’intensità dei gesti, le magliette sudate, le schiacciate e le difese, i rimproveri del mister, l’incitamento a voce alta e allora tutto ti sembra normale, la pallavolo è viva.